Telefono Studio Zanichelli
0522.67.49.58

Pedana Vibrante

COME FUNZIONA LA PEDANA VIBRANTE ?

 

Durante l'esercizio si sentirà "vibrare" tutto il corpo, ma non vi sarà alcun tipo di dolore; anzi si potrà provare da subito una sensazione di benessere: i muscoli si contraggono,

la frequenza cardiaca sale ed aumenta la circolazione sanguigna.

 

QUALI SONO GLI EFFETTI SUL NOSTRO ORGANISMO ?

 

A livello di benessere psico-fisico le vibrazioni della pedana vibrante agiscono stimolando nel nostro corpo il rilascio, in modo del tutto naturale e privo di effetti collaterali, di

neurotrasmettitori, quali ad esempio la serotonina e la dopamina. Questi esercitano una grande influenza sul benessere generale e sull'umore, con sensazioni paragonabili a

quelle che si avvertono al termine di un intenso allenamento sportivo. Inoltre, sempre a livello di benessere e salute, si segnala un aumento delle capacità di coordinazione,

dell'equilibrio corporeo e dei riflessi. Le vibrazioni agiscono direttamente sulla propriocezione, ovvero il meccanismo che regola l'equilibrio e la percezione del movimento.

Cambiando posizione di appoggio sulla pedana ed angolo delle articolazioni, si ottiene anche un progressivo allungamento muscolare(stretching).

Sul piano estetico le vibrazioni donano impulso al sistema circolatorio, riattivando le vie di circolazione periferica. In questo modo le cellule vengono copiosamente irrorate e

si favorisce la rapida espulsione delle tossine. L'effetto linfodrenante che ne deriva interviene direttamente nel trattamento della cellulite e ne attua prevenzione.

L'allenamento con le vibrazioni esercita la sua influenza sia sulle fibre muscolari bianche che su quelle rosse. Le fibre bianche sono quelle maggiormente impiegate nell'allenamento

di tipo esplosivo o di potenza. Le fibre rosse sono invece maggiormente interessate da attività di durata, dove il parametro di riferimento è la resistenza. In entrambi i casi i

risultati diventano visibili in breve tempo.

Alcuni studi hanno dimostrato che solo dopo 10 giorni di utilizzo per 10 minuti si è ottenuto un aumento della forza esplosiva (Dott. Bosco e coll.; Biology of Sport 1998).

Generalmente, comunque, anche per usi non sportivi a livello professionale, si consiglia l'uso della pedana vibrante 3 volte alla settimana ed in circa 1 mese vi saranno risultati visibili.

Come risposta di adattamento alle vibrazioni si realizza un incremento del consumo calorico. Si alza parimenti il metabolismo basale, che è il fabbisogno calorico in condizioni di riposo.

L'organismo, grazie alla maggior produzione di ormone GH(ormone della crescita) indotta dalle vibrazioni, ricorre ai grassi per soddisfare l'aumentato consumo energetico,con

effetto dimagrante.

 

COME AGISCONO LE FREQUENZE SULLE FIBRE MUSCOLARI ?

 

Le frequenze più basse 25-35 hz interessano le fibre a contrazione lenta (fibre rosse) che vengono coinvolte in esercizi dove la forza non è particolarmente importante, ma lo è la durata,

la resistenza, la prestazione prolungata nel tempo. Grazie a questo meccanismo di coinvolgimento selettivo delle fibre, si ottiene l'incremento nella combustione dei grassi depositati, ed il

metabolismo basale viene innalzato con un conseguente più elevato consumo calorico. Allo stesso modo la circolazione periferica ed il drenaggio linfatico sono fortemente incentivati.

Possiamo quindi associare le basse frequenze a obiettivi di tipo estetico, di calo del peso, di riduzione dei depositi adiposi, con evidenti risvolti positivi sulla salute ed il benessere.

 

Le frequenze più alte 40-50 hz interessano le fibre a contrazione rapida (fibre bianche) che vengono coinvolte in esercizi dove è richiesta potenza, velocità di esecuzione, gesto esplosivo.

La scossa metabolica che ne deriva, scatena la produzione di testosterone e somatotropina, due ormoni fondamentali per incentivare la massa magra ed abbassare la componente di grasso.

L'effetto pompa che deriva dalle contrazioni muscolari porta ad una più diffusa capillarizzazione, con irrobustimento dei vasi e minor tendenza alla rottura.

Altra positiva conseguenza della sollecitazione ad alta frequenza è la produzione di endorfine, sostanze naturalmente capaci di alleviare fastidi e malesseri generali, in grado di generare

uno stato di benessere sia a livello fisico che psichico.

Si tenga presente che nel corpo umano non esiste una distinzione netta a livello muscolare tra fibre bianche e rosse. Quindi un certo distretto muscolare potrà trarre giovamento

dall'abbinamento di entrambi i protocolli (basse ed alte frequenze).

 

CONTROINDICAZIONI

 

- Gravidanza

- Epilessia

- Trombosi acuta

- Tumori

- Fratture recenti

- Calcolosi epatica e renale

- Ernie discali cervicali,dorsali,lombari

- Artrosi in fase acuta dolorosa

- Malattia vascolare periferica