Telefono Studio Zanichelli
0522.67.49.58

Laserterapia

Che cos’è la laserterapia?

Il laser è una sorgente di radiazione elettromagnetica.
Più semplicemente, lo possiamo definire come un dispositivo che produce energia sotto forma di un’onda luminosa. La laserterapia consiste nell'utilizzare a scopo terapeutico nel settore della fisioterapia, gli effetti prodotti dall'energia elettromagnetica generata da due sorgenti di luce laser.


(L.A.S.E.R. = Light Amplification by Simulated Emission of Radiation)
La terapia con laser si fonda quindi sulla possibilità di fornire ai tessuti energia elettromagnetica, con riconosciuti effetti terapeutici:

- antinfiammatorio sulle articolazioni e sui muscoli;
- analgesico sulle fibre nervose;
- biostimolante e rigenerativo sui tessuti molli e connettivi;
- vasodilatatore sul microcircolo (migliora quindi la circolazione periferica);
- antiflogistico e antiedemigeno (si ottiene il pronto riassorbimento dei mediatori dell’infiammazione e di eventuali raccolte di liquido).


Nella nostra struttura vengono utilizzati due tipi di laser: il Laser HENE-IR (elio neon e infrarosso) ed il Laser Nd: YAG (neodimio YAG). In particolare, il laser Nd: Yag, ad alta potenza, è l’unico che permette di trattare patologie profonde con vera efficacia: fin dalla prima applicazione si ottengono infatti risultati sul dolore e sull’infiammazione.

 

Indicazioni

La laserterapia è indicata nei seguenti ambiti:

 

Patologie artro-reumatiche:                     

  • Artrosi
  • Sciatalgia
  • Poliartriti
  • Miositi
  • Gonalgie con o senza versamento
  • Epicondilite (gomito del tennista)
  • Torcicollo

 Traumatologia sportiva:                   
  • Stiramenti e strappi muscolari (es: muscoli flessori della coscia)
  • Distorsioni articolari  (es: distorsione della caviglia)
  • Tendinite (es: capo lungo del bicipite)
  • Contusioni 
  • Ematomi ed ecchimosi
  • Borsite 

 

              

Patologie da sovraccarico funzionale 

 


Controindicazioni

Questa terapia è controindicata:

  • In caso di Neoplasie
  • Donne in gravidanza
  • Epilessie

 

Come si effettua la terapia?

Mentre il paziente rimane seduto o disteso sul lettino, sulla parte da trattare viene appoggiato l’applicatore laser. L’esatto posizionamento è individuato utilizzando un referto ecografico o radiologico preesistente, unitamente all’indicazione della zona dove viene avvertito maggior dolore. Si consiglia di non assumere farmaci foto sensibilizzanti e di non utilizzare olii e/o creme solari nei giorni immediatamente precedenti al trattamento.

Una seduta di Laserterapia dura dai 10 ai 20 minuti. L’applicazione dell’energia laser non provoca sensazioni dolorose, ma solo una lieve percezione di calore. In alcuni casi è possibile avvertire un lievissimo bruciore o formicolio. Non vi è alcun bisogno di anestesia.


ATTENZIONE!
Durante il trattamento è obbligatorio l’uso di occhiali protettivi per prevenire il rischio di lesioni alla retina.

 

Che risultati mi posso aspettare?

Nella maggior parte dei casi si ottiene un evidente miglioramento in termini di scomparsa o riduzione del dolore e di ripresa funzionale.